Elettrificare la tratta Bra Cavallermaggiore per dare senso alla mobilità tra albese e cuneese”Quale mobilità in provincia di Cuneo?”Sabato 25 Settembre 2021 dalle ore 9,30 alle 12,30 a Cavallermaggiore nella sala Turcotto al piano terra del Municipio

Comunicato stampa

Sabato 25 Settembre 2021 dalle ore 9,30 alle 12,30 a Cavallermaggiore nella sala Turcotto al piano terra del Municipio si terrà  “Quale mobilità in provincia di Cuneo?”

Convegno organizzato dal Sodalizio Spiriti-liberi.it

con il Patrocinio della Provincia di Cuneo, di Cavallermaggiore, di Saluzzo, di Savigliano, di Bra, di Serralunga d’Alba, di Monticello d’Alba e dell’ IIS Vallauri di Fossano.

E’ un ‘ennesimo  CONVEGNO   sul trasporto, sulla mobilità in Provincia Granda.

Non ci diamo per vinti.

Come cittadini insistiamo a porre all’attenzione di tutti e tutte la questione dei morti e feriti per gli incidenti stradali causati da tanti motivi, soprattutto, anche,  per la carenza del trasporto pubblico e della quasi totale dismissione, se non distruzione, del trasporto ferroviario.

ll progetto Metrogranda, o simil,  http://metrogranda.polito.it/ finanziato dalla Fondazione CRC  e presentato nel Luglio 2016 potrebbe far diventare la nostra Provincia una piccola Svizzera. Invece campanilismi, interessi contrapposti e scarsa visione ci costringono all’uso indiscriminato dell’auto e a contare i morti  e i feriti sulle nostre strade.

Per andare in ogni dove del nostro territorio o si usa il mezzo privato oppure diventa impossibile muoversi in tempi ragionevoli.

Solo verso Torino , da Alba e Bra, da Mondovì ,Fossano e Savigliano e da Cuneo si ha la possibilità di usare il treno e godere di orari più o meno normali sia all’andata che al ritorno.

Il trasporto degli studenti verso i poli scolastici, in genere, avviene con bus termici funzionanti a gasolio. Il tutto non proprio  in linea con le indicazioni europee che ci spingono a ridurre drasticamente le emissioni di Co2, concausa dei cambiamenti climatici, che ormai bussano sempre di più all’uscio di casa nostra.

Dopo i Saluti del Sindaco di Cavallermaggiore – Davide Sannazzaro

Intervengono con due interventi storici molto significativi

COMM. GIANCARLO CIBERTI – Storico locale – La ferrovia tra Bra e Cavallermaggiore,

e il PROF. DARIO MILANO – Pres. del cons. della biblioteca – Il nodo ferroviario di Cavallermaggiore.

Dalla storia si possono trarre  insegnamenti per il nostro futuro.

Il DOTT. RENATO LANZETTI – Economista – ci dettaglierà , con dati scientifici, la situazione positiva e negativa della mobilità nella nostra Provincia. Il titolo della sua  relazione è “Lunga e diritta correva la … sicurezza stradale”.

Il PROF. DORIANO FICARA – Segretario provinciale FLC-Cgil – interverrà su “La mobilità scolastica in Granda.

Mentre  l’ Assicuratore  FULVIO BELLORA – Co.M.I.S – ci racconterà cosa fanno  “I cittadini piemontesi per il trasporto ferroviario integrato”

L’ING. CLAUDIO CAVALLOTTO – Professore dell’ IIS Vallauri  proporrà alcuni suggestioni su “Quale mobilità sostenibile in Provincia di Cuneo?

Introduce il Convegno e modera il dibattito dott. Gianni Rinaudo

Ingresso libero. Per il Convegno, sarà garantito il corretto distanziamento tra i posti a sedere del

pubblico presente e il rispetto delle NORME ANTI-COVID.

 

Aderiscono al Convegno le Associazioni e i Gruppi:

Unione per le ferrovie del Piemonte

https://www.facebook.com/groups/249179158585196

Comitato Treno Alpi Liguri, Ciberneticasociale.org e le pagine ferroviarie in face-book

amministrate dal sodalizio www.spiriti-liberi.i

Cavallermaggiore 25 Settembre 2021-ore 9,30/12,30 Convegno “QUALE MOBILITA’ IN PROVINCIA DI CUNEO ?”

Il Sodalizio www.spiriti-liberi.it 

con il Patrocinio della Provincia di Cuneo, dell’IIS Vallauri, della Città di Cavallermaggiore,  della Città di Saluzzo, Terres Monviso e Saluzzo Capitale Cultura 2024,   della Città di Bra,  della Città di Savigliano

organizza

a Cavallermaggiore  – sala Turcotto c/o Municipio

SABATO 25 SETTEMBRE  2021  – ORE 9,30 / 12,30

CONVEGNO SU: “QUALE MOBILITA’ IN PROVINCIA DI CUNEO ?”

Saluti  del Sindaco di Cavallermaggiore  – Davide Sannazzaro
Interventi di
COMM. GIANCARLO CIBERTI – Storico locale – La ferrovia tra Bra e Cavallermaggiore
PROF. DARIO MILANO – Pres. del cons. della biblioteca – Il nodo ferroviario di Cavallermaggiore
DOTT. RENATO LANZETTI – Economista –  Lunga e diritta correva la … sicurezza stradale
PROF. DORIANO FICARA – Segretario provinciale FLC -Cgil  –La mobilità scolastica in Granda

ASSIC. FULVIO BELLORA –  Co.M.I.S – I cittadini piemontesi per il trasporto ferroviario integrato

ING. CLAUDIO CAVALLOTTO – Prof. IIS Vallauri – Quale mobilità sostenibile in Provincia di Cuneo?

Modera : Gianni Rinaudo

Adesioni: Comitato Treno Alpi Liguri; Unione per le ferrovie del Piemonte – https://www.facebook.com/groups/249179158585196;  Ciberneticasociale.org e le  pagine ferroviarie in facebook amministrate dal sodalizio www.spiriti-liberi.it

Ingresso libero.

Durante il Convegno sarà garantito il corretto distanziamento tra i posti a sedere del pubblico presente.

Video intervista sulla Biodiversità del 26 Maggio 2021 ore 21

IL SODALIZIO SPIRITI-LIBERI.IT  ORGANIZZA PER IL MERCOLEDI’ 26 MAGGIO 2021 ORE 21

VIDEO INTERVISTA SU:  “ E’ importante per l’economia  dell’ albese e del braidese  LA CONSERVAZIONE DELLA BIODIVERSITA’… NELLA BASSA LANGA, IN PARTICOLARE “

Introduzione  – Fulvio Romano – Giornalista collaboratore scientifico

Maria Luisa Ascheri – Sindaca di La Morra

Mario Burzio –  Agricoltore ed allevatore  biologico

Bruno Tibaldi –  Veterinario  e direttore del Museo Segre di Cherasco

Aldo Sartore –  Imprenditore di  Langa e  Roero

Paolo Casalis  – Architetto, regista ed esperto di   ciclo-turismo

Gianni Rinaudo  – Maestro elementare  ed esperto in cibernetica sociale proporzionalista   modera  la  video intervista

iniziative del Sodalizio per il corrente anno 2021

——————

E sempre ad opera del  SODALIZIO SPIRITI-LIBERI.IT

CONVEGNO IN COSTRUZIONE

SABATO 2 OTTOBRE 2021 DALLE ORE 9,30 ALLE ORE 12,30

CONVEGNO SULLA MOBILITA’ IN PROVINCIA DI CUNEO

INTERVENTI DI

CAV. GIANCARLO CIBERTI

PROF. DARIO MILANO

PROF. DORIANO FICARA

ING.  CLAUDIO CAVALLOTTO

DOTT. RENATO LANZETTI

Sabato 4 Luglio 2020 ore 10/12,30 a Dogliani in piazza Municipio – Convegno ” Quali trasporti in Langhe e Roero… per essere al centro e non ai margini del mondo?”

Il  Sodalizio Spiriti-liberi.it

con il patrocinio della Provincia di Cuneo,  di Dogliani,  di Alba , dell’ IIS G.Vallauri di Fossano, di Bra,  di Cherasco, di Serralunga d’Alba, di Piozzo, di Carrù, di Diano d’Alba e di Farigliano.

organizza

Sabato 4 Luglio 2020 dalle ore 10 alle ore 12,30

nella  piazza del Municipio di Dogliani (Piazza don Conterno)

Convegno ” Quali trasporti in Langhe e Roero… per essere al centro e non ai margini del mondo?”

ore 9,30 accoglienza  dei partecipanti

Saluti Rappresentanti delle Istituzioni

Intervengono

Comm. Gian Carlo Ciberti Cenni storici sulle ferrovie e tranvie della Val Tanaro albese, braidese e cebana

Per. Ind. Augusto BozzoneLa mobilità vista da un utente

Prof. e Geografo Sergio Moscone, Sindaco di Serralunga d’ AlbaDa Serralunga al mondo: la mobilità di un paese di Langa analizzata da un Sindaco

Prof. Bruno Dalla Chiara, Politecnico di Torino  – La connessione della rete ferroviaria nella gerarchia della mobilità

Introduce il Convegno e modera il dibattito dott. Gianni Rinaudo

 

Ingresso libero. Il Convegno si svolgerà all’aperto e sarà garantito il corretto distanziamento tra i posti a sedere del pubblico presente.

————–

Aderiscono al Convegno

le Associazioni  e i Gruppi: Osservatorio per la tutela del Paesaggio Langhe e Roero – https://www.facebook.com/OsservatorioperlatuteladelpaesaggiodiLangheeRoero/ ,   E-mobility  Fossano – http://www.emobilityfossano.it/ , Cibernetica Sociale Italia – www.ciberneticasociale.org, Comitato treno Alpi Liguri, ComuneRoero, Italia Nostra sez.di Bra, Canale Ecologia, Amici di Carrù.

 

 ————————

Scopo dell’iniziativa, che coinvolge una delle più alte  competenze della mobilità  del Politecnico di Torino , il prof. Ing. Bruno Dalla Chiara,  è  di porre all’attenzione del territorio sia la necessità di completare il collegamento viario dell’AT-CN che di procedere gradualmente verso il modello della mobilità integrata per  non marginalizzare parte dei nostri territori!

 

La Siria una nazione da sempre amica dell’ Italia. Lunedì 20 Gennaio 2020 ore 20,45 al Caffè Cavour di Bra

Lunedì 20 Gennaio 2020 nella saletta del Caffè Cavour in via Cavour a Bra (Cn) alle ore 20,45

il blog www.spiriti-liberi.it

organizza

Conferenza su importante tema geopolitico ” La Siria una nazione da sempre amica dell’ Italia”.

Interverranno:

  • Gianni Rinaudo, ciberneticasociale.org  ” … perchè la guerra in Siria”
  • Claudio Puppione, direttore Rivista Idea ” Relazione del viaggio in Siria, avvenuto ad inizio Gennaio 2020″.
  • Da anni sia Claudio Puppione, giornalista, che Gianni Rinaudo, maestro elementare, si dedicano a cercare di trasmettere sulle loro pagine social un’ informazione più oggettiva sulla situazione siriana.
  • Il primo ha trascorso il capodanno, appena passato, proprio in quella nazione visitando pure diverse città e incontrando personalità del Governo Assad. Lo si potrà ascoltare e gli si potrà porre quesiti nel merito.
  • Rinaudo invece introdurrà la serata con breve disamina storica ipotizzando il perche’ o i perché ci siata stata quest’ altra terribile guerra.

Ingresso libero.

Conferenza ” I troppi incidenti stradali sulle nostre strade provinciali”

Il Sodalizio www.spiriti-liberi.it organizza
Conferenza ” I troppi incidenti stradali sulle nostre strade provinciali ci interrogano.”

Giovedi 27 Settembre 2018 ore 20,45 Caffè Cavour – Bra

Saluti
Massimo Borrelli – Vice-Sindaco di Bra

Relazioni:
a) Vittorio Delpiano, collaboratore parrocchiale in Alta Langa: “Fondamenti teologici della tutela della vita. Anche per la Teologia bisogna tutelare la vita in tutti i suoi aspetti ””
b) Angelo Mallamaci, pres. Italia Nostra Bra:“… dati degli incidenti stradali nella nostra Provincia di Cuneo”
c) Roberto Borri, medico e ingegnere: “Ferro e gomma: due differenti supporti per i nostri viaggi, nella buona e nella cattiva sorte.”

Interventi delle forze politiche
Flavio Manavella – Consigliere Provincia di Cuneo
Ivano Martinetti – Consigliere Comunale di Alba,
Federico Gregorio – Sindaco di Narzole,
Fabrizio Biolè – Sindaco di Gaiola.

Moderatore della serata: Gianni Rinaudo

Ingresso libero.Tutta la cittadinanza è invitata ad intervenire.


Breve presentazione dei relatori alla conferenza.

Vittorio (Toiu) Delpiano. https://www.facebook.com/toio1  Presbitero della Diocesi di Alba, collaboratore parrocchiale in Alta Langa. Vive a San Benedetto Belbo dal 1980 dove insieme ad altri ha anche restaurato il sito di un’antica comunità monastica.

Angelo Mallamaci. https://www.facebook.com/italianostrabra/  In gioventù segretario della sezione del P.C.I. Poi Direttore della Biblioteca di Bra per molti anni. Ora in quiescenza, dedica parte del  tempo libero ad occuparsi di tutela ambientale.

Roberto Borri. http://www.robertoborri.com/Biografia_Artistica.htm  Pur essendo intenzionato ad intraprendere la professione sanitaria, il cammino ha preso altre direzioni, toccando il mondo dell’Ingegneria meccanica e della Musica d’Organo, per poi approdare in tempi più recenti alla Medicina. La formazione in tre campi apparentemente lontani e senza alcun evidente aspetto comune gli ha tuttavia consentito di affrontare le diverse situazioni con maggior discernimento, assicurandogli uno spirito sufficientemente libero. Fuori da ogni schema precostituito, ha sempre cercato di svolgere ogni sua attività in scienza e coscienza, lontano da ogni ricerca di profitto immeritato.

 

La Provincia Granda diventi una “piccola Svizzera” e non si accantoni il Progetto Metrogranda

La  Provincia Granda diventi una “piccola Svizzera”  e non si accantoni il Progetto Metrogranda http://metrogranda.polito.it/ come invece 30 anni fa si accantonò il progetto ing. Vassallo per la Superstrada Asti-Cuneo  e si optò per l’autostrada  dalla Francia alla Pianura Padana. Questo in sintesi il messaggio che è emerso dal Convegno di Carrù di sabato 25 novembre 2017 organizzato dagli www.spiriti-liberi.it  con il Patrocinio del Comune di Carrù.

Oggi si parla di costruire una pista ciclabile dal mare Ligure alle Langhe, invece di operare a realizzare gradualmente il Progetto Metrogranda  e mettere in comunicazione le Città 7 sorelle della provincia di Cuneo  e servire con il treno un bacino di quasi 400mila cuneesi. Treno e bici come  gomma e treno non sono antitetici, anzi… Bisogna operare per un progetto  integrato dei trasporti migliorando la qualità della vita di tutti e dei territori  marginali in particolare.  Venti anni  anni fa l’autostrada dal nizzardo alla pianura Padana non si realizzò e  sono decenni  ormai che siamo con un’ autostrada  Asti-Cuneo incompiuta.  Come allora si buttò il progetto Vassallo oggi  qualcuno vuol buttare il Progetto Metrogranda,  studiato dal Politecnico  e finanziato dalla Fondazione Crc insieme a diverse città della provincia.

Sia la dot.sa Ieriti Sindaco di Carrù che l’on. Fabiana Dadone ed anche Gianna Gancia Consigliere della Regione Piemonte si sono espresse favorevolmente al rilancio del trasporto su rotaia. Sarebbe assai auspicabile che le donne impegnate nell’amministrazione pubblica, come si occuparono  ed assai per la riattivazione della Cuneo-Ventimiglia diano parte del loro impegno nelle Istituzioni anche al rilancio complessivo della rete ferroviaria  cuneese.

Infatti come si fa a non rilanciare il treno quando sono in vorticoso aumento gli incidenti stradali. Ad oggi, sulle  strade della Provincia Granda   sono già  a 53 le persone morte nel 2017.

Si è letto sui giornali locali, in questi mesi, che il completamento dell’Asti Cuneo  costerà circa  400milioni  e non si trovano 80milioni per rifare il tratto Mondovì Bastia Bra  e far decollare  Metrogranda o simil, la circolare ferroviaria tra Cuneo, Mondovì, Bra, Cavallermaggiore, Savigliano, (Fossano) e Saluzzo? Come ci ha ricordato l’ing Coviello, oggi, per un tram-treno non si ha bisogno di mega strutture come le vecchie stazioni di un tempo. Sono sufficienti per le fermate delle pensiline o poco più. Gli stessi  passaggi a livello oramai  si gestiscono con  l’apposita tecnologia.

Secondo l’ing Borri il treno è UN MEZZO POCO ENERGIVORO. Basse potenze installate per ogni viaggiatore. Basse energie per ogni viaggiatore trasportato lungo un kilometro. In caso di trazione elettrica, possibilità di recupero dell’energia occorrente per la frenatura e migliore controllo delle emissioni all’eventuale fonte termica

UN MEZZO SU CUI VIAGGIARE IN SICUREZZA. Gli incidenti stradali sono circa 2000 ( duemila!) volte più numerosi rispetto a quelli ferroviari.

I morti per incidente stradale sono circa 60 (sessanta!) volte più numerosi di quelli per incidente ferroviario.

I feriti per incidente stradale sono circa 4700 ( quattromilasettecento!) volte più numerosi di quelli per incidente ferroviario.

Il treno è un mezzo a guida vincolata, a differenza dei mezzi stradali, che sono a guida libera.

Tra i mezzi a guida vincolata, il treno ha la marcia comandata da appositi segnali, il cui aspetto dipende da adeguati sistemi di sicurezza.

Per ing. Sibilla la valenza economica del trasporto ferroviario per il territorio è fuori discussione. In tutta l’Italia si riattivano linee ferme da anni per scopi turistici e non solo e la Lombardia aprirà a giorni un nuovo tratto ferroviario.  Già nell’ottobre 2012, anticipando i tempi,  come Sodalizio www.spiriti-liberi.it  si realizzo’ a Mondovì un Convegno di una intera giornata,   in collaborazione con il Sindaco Viglione,  per motivare la necessaria infrastrutturazione del trasporto merci su rotaia proprio nel monregalese, che è a ridosso del porto di Vado Ligure ed infatti al presente sono diversi gli enti  cuneesi che si operano in tal senso.

L’avv. Mantelli, Ass. ai Trasporti di Cuneo, uno dei sostenitori del Progetto Metro Granda quando era in Fondazione Crc,  ha presentato lo stato dell’arte da parte delle attuali amministrazioni. Di certo si sta lavorando per il ripristino passeggeri della  ferrovia Savigliano-Saluzzo. Ha  confermato la valenza del protocollo firmato a Neive per il rilancio della tratta Alba-Asti e certamente si dovrà mettere mano alla riapertura della Cuneo-Mondovì. Inoltre ha messo in evidenza come nel passato si sia lavorato sul nodo di Torino e Novara e che nel prossimo futuro si dovrà infra-strutturare  con un trasporto  integrato  anche il sud del Piemonte ed in particolare  la Provincia Granda. Ha  ricordato  come per la linea Cuneo-Ventimiglia sia oltremodo necessario  che Francia ed Italia  riaggiornino il trattato di collaborazione in merito. Il fatto poi che la Pianura Padana sia tra i luoghi con il più alto livello di inquinamento europeo dovrebbe far ripartire urgentemente, anche da  noi, gli investimenti sul trasporto ferroviario integrato.

Relativamente al progetto Metrogranda, o simil,  è nata una disponibilità  a costituire  un tavolo di lavoro tra  alcuni amministratori anche derivante dal fatto che l’ing Coviello del Politecnico ha confermato la sostenibilità economica del progetto, ovvero l’utenza dei passeggeri  che ne usufruirebbe lo renderebbe appetibile anche economicamente.

Durante il Convegno  si è inaugurata la mostra  e realizzata la premiazione del Concorso fotografico “Da Bastia a Bra passando per Carrù”. I premiati  sono stati 1)Giovanni Aimo 2) Samuele Silva e 3)Walter Barbotto. Le fotografie sono in esposizione nella Biblioteca civica di Carrù fino alla conclusione della Fiera

Comunicato stampa di Gianni Rinaudo del Sodalizio www.spiriti-liberi.it  – via San Rocco 24 12042 Bra – 3281494760

Sabato25novembre2017h10CarrùILTRENO E’…SVILUPPO ECONOMICO

Otto anni fa, il Sabato 20  Giugno 2009,  a Carrù nel Teatro dei Flli Vacchetti si realizzava   il primo di una lunga serie  di convegni e tavoli di studio, tutti auto finanziati da cittadini e cittadine (oltre 30 in questi otto anni),  per rilanciare il trasporto integrato (gomma, ferro, aria-areoporto ed acqua …collegamento ai porti liguri)  nella nostra Provincia Granda, in Piemonte ed in Liguria.

Sabato  25 novembre 2017 alle ore 10 sempre a Carrù presso la Biblioteca  M. Dadone  in   piazza Dante, 

si  realizzerà il Convegno “IL TRENO E’ … SVILUPPO ECONOMICO DI CARRU’ E DEL SUO TERRITORIO!”.

L’ obiettivo è  contribuire  a porre un freno  al rischio di marginalizzazione del nostro bel  territorio  – compreso tra  Ceva e Bra ,  appartenente ai Comuni alla destra ed alla sinistra dell’asta di questo tratto del Tanaro – riproponendo il progetto Metrogranda https://www.facebook.com/metrogranda

Interverranno: per i saluti la Dott. ssa  Stefania Ieriti, Sindaco di Carrù  a cui  seguiranno le  relazioni del Commendatore  Gian Carlo Ciberti  con “La valenza storica  della Bra-Ceva”, dell’ Ing. Roberto Borri  “La rete capillare delle ferrovie cuneesi è una risorsa insostituibile”,  dell’Ing. Stefano Sibilla  “Quale sviluppo economico per Carrù e la val Tanaro grazie al treno…”, dell’Ing. Nicola Coviello, Politecnico di Torino  “Considerazione prima, durante e dopo  lo studio del progetto Metrogranda” ed infine  l’avv. Mauro Mantelli , Assessore Trasporti di Cuneo con l’intervento “Tutti siamo una Provincia Granda”. Sono state invitate  Fabiana Dadone, Deputata al Parlamento e Gianna Gancia, Consigliere  della Regione Piemonte.

Nella nostra Provincia, come in Italia, si è un po’ abituati a vivere ognuno per sé, ma poi  dichiarare che bisogna  fare squadra  nell’interesse comune di questa Grande Provincia di Cuneo e  seguire le mode…

Essere impregnati di  questa dualità – l’ interesse circoscritto assai praticato e l’ interesse  generale tanto declamato – causa  risultati  positivi e  negativi.

Positivi: crescono grandi aziende di valore mondiale, le tante piccole e medie aziende, l’imprenditoria particolare ed innovativa, le esportazioni, il lavoro anche giovanile, il risparmio, l’ eccellente agricoltura, la ristorazione e crescita del turismo, i  buoni servizi, il capillare volontariato, la quasi raggiunta gestione pubblica dell’acqua, una più che sufficiente riuscita dei processi integrativi, una buona qualità della vita, …

Negativi: carenza  di infrastrutture, di trasporto integrato. Distruzione della pre-esistente e capillare rete ferroviaria.  Eccessivo spreco di suolo fertile specie in alcune aree. Sempre più  desertificazione demografica in montagna, in alta collina  e nella val Tanaro compresa tra Narzole ed Ormea, Carrù in tal senso è un’eccezione. Difficoltà enormi a definire invasi idrici condivisi e necessari per l’agricoltura. Foreste quasi abbandonate, non curate, causa anche la carente filiera del legno.  Da parte di qualche gruppo tentativi per monopolizzare alcuni servizi, …

In questa situazione duale e contradditoria in cui sembra prevalere  l’interesse monadico, a senso unico,  ecco che di treno e riattivazione delle linee ferroviarie  ferme dal 2012, ed anche prima, si ha difficoltà a parlarne. L’esaltazione del particolare fa   dimenticare che solo una visione d’insieme permette  a tutti ed a tutta la Provincia di uscire dall’ isolamento. Lasciar  crescere “la malattia della marginalità” in una parte del territorio provinciale  poco a poco comprometterà  tutto il resto.

Sono migliaia le persone che valutano positivamente il progetto Metrogranda, http://metrogranda.polito.it/,  la circolare ferroviaria provinciale,  studio realizzato dal Politecnico di Torino con finanziamenti della Fondazione Crc  e di diverse Città e presentato alla cittadinanza Sabato 2 luglio, dalle 9.30 alle 13 presso lo Spazio Incontri Cassa di Risparmio a Cuneo. Cfr http://www.targatocn.it/2016/06/26/leggi-notizia/argomenti/cuneo-e-valli/articolo/a-cuneo-si-presentano-i-risultati-della-ricerca-metrogranda.html

Questo progetto è e resta  valido e non può e non deve essere messo da parte come invece erroneamente fu accantonato, ad esempio,  ca. 30 anni fa, il progetto della super strada Asti-Cuneo   dell’ing. Vassallo.

Metrogranda è un progetto con un’attenzione globale alla Provincia ed è utile per diversi motivi :

1) Servirebbe facilmente un bacino di oltre la metà degli abitanti  della Provincia di Cuneo permettendo in un tempo assai rapido di collegare realmente le sette sorelle.

2) Tale circolare animerebbe assai i territori ad essa limitrofi facendo raggiungere  rapidamente  Torino e la Liguria.

3) Un tale modo di concepire il trasporto ferroviario renderebbe assai più fruibile l’utilizzo delle autolinee  per raggiungere le valli, le colline delle Langhe e del Roero, …

4) Ridurrebbe e di molto i morti a causa degli incidenti, oggi in spaventoso aumento, sulle nostre strade

5) Permetterebbe ai giovani ed agli anziani di spostarsi in autonomia e sicurezza rivitalizzando interi paesi che invece sono sempre meno abitati, ovvero abbandonati, specie dalle giovani coppie, perché senza trasporti

6) Nella stima costi benefici un tale progetto sarebbe, e di molto, inferiore come costi, ad altre opere viarie

7) Unirebbe e integrerebbe territori economicamente plurali, dalle valli della montagna cuneese, monregalese e saluzzese alle colline di Langa e Roero, passando per la pianura,…

Mi permetto ancora di ripetere e ricordare agli scettici ed ostili al progetto Metrogranda  che anche quando venne accantonato il progetto Vassallo, la super strada   Asti Cuneo, circa 30 anni fa, e si optò diversamente si commise un errore ed ancor oggi tutto il territorio cuneese continua e continuerà a pagarne le conseguenze.

Mi auguro, insieme agli amici e le amiche  con cui si è organizzato questo  Convegno,  che a Carrù Sabato mattino 25 Novembre  i cittadini, le cittadine, e qualche amministratore,  aprano gli occhi.

Gianni Rinaudo  del Sodalizio www.spiriti-liberi.it

Aderiscono all’iniziativa le associazioni: A.B.C.D.M – Amici della Bra – Ceva e Diramazione per Mondovì;  Unione per le ferrovie del Piemonte, nuovi orizzonti; Gruppo di sostegno per Metrogranda; ed il sito www.ciberneticasociale.org

L’ ingresso è libero. Al termine del Convegno seguirà Buffet.

Nel percorso  convegnistico della mattina  inoltre ci sarà:

  1. a) Premiazione del “Concorso Fotografico Da Bastia a Bra passando per Carrù” e l’inaugurazione della mostra relativa per “divulgare bellezza”
  2. b) Consegna di un attestato del Sodalizio per aver contributo alla conservazione del patrimonio ferroviario piemontese a Davide Bono Consigliere Regionale, ad Elio Rostagno già Sindaco di Cuneo e già Consigliere Regionale, a Gianna Gancia già Presidente della Provincia di Cuneo e Consigliere Regionale.

Convegno: ” Il treno è … sviluppo economico di Carrù e del suo territorio!” – Carrù il 25 novembre 2017

Con il Patrocinio del Comune di Carrù

Il Sodalizio www.spiriti-liberi.it

Organizza  il  convegno:  ” Il treno è … sviluppo economico di Carrù e del suo territorio!”

c/o la Biblioteca Civica M. Dadone –  Piazza Dante, Carrù

Sabato 25 novembre 2017 dalle ore 10 alle ore 12,30

Programma

Saluti

Dott. ssa  Stefania Ieriti, Sindaco di Carrù

Interventi

Commendatore  Gian Carlo Ciberti  –  “La valenza storica  della Bra-Ceva”

Ing. Roberto Borri – “La rete capillare delle ferrovie cuneesi è una risorsa insostituibile”

Ing. Stefano Sibilla – “ Quale sviluppo economico per Carrù e la val Tanaro grazie al treno…”

Ing. Nicola Coviello, Politecnico di Torino – “Considerazione prima, durante e dopo  lo studio del progetto Metrogranda”

Avv. Mauro Mantelli , Assessore Trasporti di Cuneo “Tutti siamo una Provincia Granda”

Sono state invitate ad intervenire

Fabiana Dadone, Deputata al Parlamento

Gianna Gancia, Consigliere  della Regione Piemonte

Modera il convegno Gianni Rinaudo

Aderiscono all’iniziativa le associazioni: A.B.C.D.M – Amici della Bra – Ceva e Diramazione per Mondovì;  Unione per le ferrovie del Piemonte, nuovi orizzonti; Gruppo di sostegno per Metrogranda; ed il sito www.ciberneticasociale.org

Nella Biblioteca Civica M. Dadone di Carrù sarà allestita mostra fotografica per DIVULGARE BELLEZZA   in relazione alla pagina facebook “Concorso fotografico Da Bastia a  Bra passando per Carru’ ” 

Ingresso libero. Al termine del Convegno seguirà Buffet